Comune di Pavone del Mella

Territorio

 

COMUNE DI PAVONE DEL MELLA

Stato: Italia
Regione: Lombardia
Provincia: di Brescia (BS)
Latitudine: 45° 18‘ Nord
Longitudine: 10° 12‘ Est
Altitudine: 53 m s.l.m.
Superficie: 11 km²
Popolazione: 2.786
Densità 253 ab./km²
Comuni limitrofi: Cigole, Gottolengo, Leno, Milzano, Pralboino
CAP: 25020
Prefisso tel.: 030
Codice ISTAT: 017137
Codice catastale: G391
Abitanti (nome): Pavonesi
Patrono: San Benedetto Abate - 21 marzo
Sagra: San Rocco - 15 agosto

Stradario

 

 

 

La superficie del comune di Pavone del Mella è di 11,74 chilometri quadrati. L'altitudine sul livello del mare misurata nel centro del comune è di 54 m.s.l.m., quella minima è pari a 39 m.s.l.m., mentre quella massima è pari a 58 m.s.l.m.

Il comune di Pavone del Mella dista 29 chilometri dal capoluogo di Brescia, mentre il suo territorio è classificato come Non montano. La zona altimetrica è definita come Pianura, mentre a livello di regione agraria si parla di Pianura Bresciana Centrale.

La ASSL di riferimento per Pavone del Mella è quella di Leno.
La comunità montana di appartenenza: -.
Il distretto scolastico di riferimento per Pavone del Mella è quello di Verolanuova.

Il comune ha la propria sede in VIA MARCONI 5 - 25020 Pavone del Mella
Tel. 030 959338 Fax.030 959493
E-mail:

segreteria@pavone-mella.it

 

 

 

 

STORIA IN BREVE

 

Il territorio di Pavone del Mella fu sicuramente abitato dai Galli e dai Romani, poi. Nel Medioevo furono invece i monaci ad avviare le bonifiche.

Nel 1316 il castello di Pavone diede rifugio ai ghibellini bresciani. Pavone fu uno dei primi comuni della provincia: il primo atto relativo a una riunione del consiglio comunale in ecclesia Paoni, cum campana pulsato, convocato cioè al suono della campana nella chiesa di Pavone, risale al 1236.

Nel 1293 gli statuti di Brescia ricordano la costruzione, nella rocca di Pavone, di una torre eretta contro i nemici e i ghibellini, segno che Pavone si era alleato a Brescia nel guelfismo. 

 
 

PERCORSI CICLABILI

 

Vivi una giornata diversa. Riscoprendo le bellezze della natura, il gorgogliare dell’acqua sulla riva del fiume Oglio, osservando l’azzurro - cartolina del Garda o le vette della Valcamonica, i tesori della Franciacorta, ascoltando il fruscio del vento nelle pianure coltivate della Bassa . Anche i sapori , i profumi , la genuinità
delle gente, insomma le bellezze della nostra terra. Senza fretta. Si può fare, in bicicletta,
lungo gli itinerari, tutti facili da percorrere, che il sito della Provincia, fra i più completi d’Italia, illustra in ogni dettaglio. Indicando minuziosamente percorsi, comuni attraversati, monumenti, opere d’arte, palazzi, chiese, torri, boschi, ontanili, parchi. Anche bar, osterie e ristoranti, agriturismi dove rifocillarsi. Scegli, anche attraverso le 300 immagini che li accompagnano, quello che meglio si adatta alla tua cultura, al tuo modo di vivere e prova la novità di una gita in bici. Scoprirai un mondo diverso, entusiasmante.
Buona pedalata…

Mauro Parolini
Assessore ai LL.PP. Provincia di Brescia

ciclabili.jpg